Le imminenti elezioni politiche italiane sono state oggetto della satira del comico britannico John Oliver nel suo programma Last week tonight in onda in seconda serata su Hbo. Diffuso attraverso il canale ufficiale della trasmissione su YouTube, è stato poi ripreso dalla pagina Facebook “Comedy bay” che l’ha reso disponibile con i sottotitoli in italiano.

Nei primi minuti John Oliver propone alcune considerazioni riguardo l’instabilità politica italiana, che in settanta anni di storia repubblicana ha visto succedersi ben sessantacinque governi. Difficile spiegarlo a chi è straniero. Quindi il comico si focalizza sugli scontri di piazza degli ultimi giorni.

“Forse pensate che l’attuale leader politico italiano sia una Vespa in canottiera” chiosa il comico, ma se gli autori avessero scoperto il soprannome di Gentiloni – “er moviola” – gli spettatori avrebbero riso di più. Parlando degli scontri di piazza, a differenza dell’appiattimento del dibattito politico italiano sulla riproposizione della violenza politica tra opposti estremismi, Oliver prende più seriamente il pericolo di un ritorno del fascismo nel bel Paese perché: “L’ultima volta che è successo si sono ritrovati Mussolini che fu la spalla di quel casinaro di Hitler”.

 

Conclusa la premessa, John Oliver si concentra sui tre “personaggi principali” della politica italiana: Renzi, Di Maio e Salvini. Il presentatore non le manda certo a dire: mette sullo stesso piano la sconfitta del segretario Pd al referendum dello scorso dicembre e quella subita anni prima a La ruota della fortuna nel ’94 – Mike Bongiorno riesce a essere più malvagio dello stesso Oliver – e considera Salvini il mandante morale dell’assalto di Traini a Macerata. Infine ritiene Di Maio troppo giovane per candidarsi come Presidente del Consiglio soprattutto come frontman di un non movimento nato dalla liturgia dei vaffa day. E sul ritorno di Berlusconi, agli sberleffi stranieri abbiamo ormai fatto il callo, tant’è che non viene affermato niente di più di quello che avesse già detto Letterman nel 2011 proprio mentre impazzava, dentro e fuori dai nostro confini, il caso Ruby.

 

JOHN OLIVER | Elezioni italiane

Buon voto a tutti

Geplaatst door Comedy Bay op maandag 26 februari 2018

Si ripete spesso che in Italia la realtà della politica ha superato la fantasia della satira, forse anche per questo il lungo monologo di John Oliver appare divertente e brillante: in fin dei conti ha potuto attingere da repertori molto vasti.
Date le centinaia di migliaia di condivisioni dovremmo porci una domanda: che fine ha fatto la satira politica italiana in tv, a parte l’enclave di Fratelli di Crozza su canale Nove? Speriamo che non debba spiegarcelo John Oliver.